Dopo la politica, oltre la politica, dentro la politica

Così Renzo Bossi si dimette, pare.
Qualcuno dice che, con lo sfascio della Lega, siamo già entrati nella Terza Repubblica; le dimissioni di Bossi sono l’emblema della fine di un ventennio, quelle di suo figlio sono l’emblema della fine della giunta Formigoni (sperem).
Il problema è che Renzo Bossi ha 20 anni, è un mio coetaneo, uno che come me è nato dopo quando il Muro di Berlino stava per cadere, o era già caduto, quando le ideologie avevano fatto il loro tempo, quando il mondo finiva di negare di essere globalizzato e le distanze già si accorciavano.
Eppure ha vissuto il fare politica come un uomo della Tangentopoli più piena, come uno scagnozzo di un Andreotti o di un Berlusconi qualsiasi, facendosi pagare la macchina con i soldi dei rimborsi elettorali e senza uno straccio di diploma con cui dimostrare che la cultura non è solo un pezzo di carta, ma l’unico vero modo anche per fare e per dare politica.
E’ una vera tristezza che un ragazzo di 20 anni incarni tutti gli stereotipi degli ottantenni marci che hanno alimentato il sistema corruttivo di un’Italia che ci hanno lasciato.

Così sembra che avere 20 anni e fare politica, ancora una volta, sia questo, sia accettare il marcio e farsene compromettere; sia avere anni di militanza senza aver mai dimostrato di avere delle vere capacità peculiari che possano aiutare il paese a crescere, anzi, a rinascere.

Non è così. La politica è bella perché è totalmente un’altra cosa.
La politica è dialogo, sacrificio, sforzo di innovazione, sforzo di comprensione, sforzo di abnegazione.
La politica non è inventarsi delle capacità, ma essere sicuri delle proprie per metterle al servizio degli altri.

Chi fa parte di una giovanile, come io faccio, non può più permettersi di dare quell’immagine della politica in giacca e cravatta e chiusa nelle segreterie di partito, perché significherebbe rimanere fuori dai tempi e dalla società. L’antipolitica è ormai una realtà ed ha le sue ragioni,  ma finché noi non saremo capaci di dimostrare il contrario, non avremo salvato la politica e avremo affossato anche noi, avremo perso tempo e sprecato i nostri anni migliori.

La Lega ha per anni messo in crisi anche i partiti di sinistra, perché aveva quella capillarità e quella spinta innovativa che la sinistra aveva smarrito. Ora ha dimostrato di non essere diversa dagli altri sistemi partitici del passato (e lo chiamo, volontariamente e con speranza, passato). I militanti, colpiti alla pancia dalle parole dirette e semplici del loro capobranco, si sono accorti che non basta la pancia per fare politica, ma ci vuole soprattutto la testa.

Voglio che il mio partito e la mia giovanile, fedeli alla storia di cui fanno parte e al quadro politico europeo al quale si affacciano, ritornino a intraprendere quel ruolo didascalico che un Partito, degno di questo nome con la lettera maiuscola, deve avere.

Un partito non deve insegnare a pensare, ma deve raccogliere i pensieri, farne sintesi e diffonderli.

Per raccogliere i pensieri, però, deve stare vicino alla gente, deve saper fiutare dove sono i talenti migliori nella società civile e conservarli gelosamente per poi metterli al servizio dei più.
Dobbiamo pensare con la gente e in mezzo alla gente. Far vedere alle persone che non vogliamo, un giorno, comandare, ma guidare e farci guidare senza mai dimenticare il dialogo con chi ci chiede, sicuri sempre di essere in grado di rispondere.

Dobbiamo dimostrare che il nostro sguardo va oltre l’ordinario e crea prospettive ed è in grado di elaborare modelli nuovi, dopo la politica, oltre la politica, ma dentro la politica stessa.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...