Lavoro e libertà

Il mio post di oggi sarà breve, perché oggi, che è la festa dei lavoratori, io lavorerò.

Lavorerò perché per il momento ho la fortuna di conciliare una passione con un lavoro: la mia tesi, che è in questo momento quello per cui vivo e sudo tutti i giorni, è anche ciò che ho scelto, ciò che mi appassiona e mi diletta.

Purtroppo so che non è così per molti altri; so che il lavoro definisce ed inquadra le persone, spesso non solo in senso positivo, imbriglia le idee e i progetti, impedisce di vivere, addirittura, spesso, porta alla morte.

Il mio pensiero oggi è dedicato a chi è morto per il lavoro, ad una persona che da lassù mi sta guardando e che ha perso la vita per un dovere che sentiva profondamente suo e per il quale era ancora pieno di voglia di vivere.

Che il lavoro diventi finalmente la tela su cui poter esprimere ciò che si è, la propria libertà morale ed intellettuale, non un gioco di potere che costringe a vivere in ginocchio, a morire, a volte anche a scegliere di morire.

MT

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...