Della violenza e delle donne

Image

Vedo e sento con piacere molti miei amici, ex-amici ed ex-qualcosaltro uomini (diciamo) scrivere, postare, parlare della violenza sulle donne e del femminicidio. I suddetti mostrano sdegno, stupore rabbia per gli episodi di cronaca degli ultimi giorni e implorano giustizia, mostrando rabbia per ciò che i loro “simili” sembrano essere capaci di fare.
Il tutto fa piacere, tanto: che non siano sempre e solo le donne a parlare di donne è cosa giusta, ed è ciò che volevamo, finalmente. Devo però smentire per un attimo il buonismo di alcune di queste esternazioni e mettere da parte l’apprezzamento per “il gesto”. Insomma devo dire un sereno e pacato “no grazie” a chi poi, nella vita, non tratta le donne molto meglio di come fanno coloro che arrivano a picchiare, addirittura ad uccidere. Devo denunciare che ancora oggi, uomini (diciamo) della mia generazione sono abituati a non comportarsi veramente, profondamente, con le donne come con loro pari. E questo soprattutto nell’interazione uomo/donna che vada oltre il rapporto d’amicizia. Gli uomini, sempre quelli della mia generazione (ho 24 anni), sentono ancora di non dover dare spiegazioni. Sentono ancora il diritto di poter scegliere quando cominciare la loro caccia e quando concluderla senza fornire motivi validi, per ciascuna delle due fasi, all’oggetto del contendere, nella fattispecie la donna. Ancora nella mia generazione l’uomo è il più delle volte seccato dal dover motivare le sue azioni, anche quelle più scontate o meno pregevoli alla donna verso le quali esse sono rivolte, e questo perché, ancora oggi, non vede nella persona che ha di fronte un soggetto che realmente le meriti. Un soggetto che invece, per sua natura direi, è portato quasi sempre all’analisi e alla necessità di approfondimento e riflessione. Sempre fra gli uomini della mia generazione vedo questo pericolo, questo schermirsi dietro ai peggiori della categoria per celare, male, un desiderio inconscio di continuare a fare “un po’ come mi pare”. Purtroppo il rispetto per una donna passa anche attraverso un sereno e sonoro ‘vaffanculo’ che la stessa donna ha bisogno e diritto di sentirsi dire, quando e se necessario, e che è sempre meglio di un brutale, indifferente, irrispettoso e vigliacco silenzio. E se la conseguenza è il brusio di una risposta che si ha fastidio a sentirsi dare…anche dalla capacità di capire le differenze passa il rispetto nei confronti di esseri tanto uguali e tanto diversi. Tutto questo io temo, temo che stiamo portando a galla solo “la crème”, ma che da queste piccole cose, in realtà si capisca quanto il problema sia molto più radicato. Spero davvero di sbagliarmi.

Annunci

2 commenti su “Della violenza e delle donne

  1. cate ha detto:

    cara, non vorrei sbagliarmi, la mia sensazione è un’altra: non è proprio la mancanza di rispetto verso noi Donne quanto la paura della responsabilità ovvero dell’essere e/o dventare come si dice “adulti” il motore di certi improvvisi cambi di rotta nei rapporti tra uomo e donna, qualunque sia la loro natura…La parità interpersonale la vedrei in altri atteggiamenti e credo fermamente vada rispettata-insegnata-imparata innanzitutto tra noi Donne (quanti episodi di discriminazione fra Donne?)
    Che poi gli uomini, o cosiddetti tali, non abbiano o non facciano buon uso del loro eloquio per dialogare con noi Donne è tutta un’altra storia, e quei pianeti così distanti, per quanto mi dispiaccia ammetterlo, ahimè, diffcilmente saranno mai lo stesso.

    • Cara Cate,
      grazie della risposta, innanzitutto.
      È assolutamente vero che la paura di crescere sta spesso alla base della fuga. Ma quello che mi chiedevo in questo pezzo era: forse i nostri uomini smetterebbero di punto in bianco di frequentare i loro amici, i loro compagni del calcetto o quelli del tennis, così, senza dare spiegazioni? No. Con un loro amico non si comporterebbero mai così. Ma il dare spiegazioni ad una donna è considerato superfluo in sé, e noioso perché richiede un impegno notevole, dal momento che si tratta di far passare un messaggio a qualcuno che è molto di verso da te e che è portato all’analisi e all’approfondimento per natura. Trovo che in questo menefreghismo ci sia la radice di una profonda mancanza di comprensione e di rispetto. Si capisce? un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...